30 mar 2012

I proseliti leghisti in America.

Di seguito il manifesto della destra americana che manifesta più che il dissenso. Manifesta odio, volgarità, disprezzo. Manco fossero manifesti fatti da leghisti ed attaccati dal Trota. Manco quei baluba chiamati in causa da Maroni nella sua stupefacente (si fa per dire) lectio magistralis avrebbero pensato qualcosa di similare allo scempio qui sotto.



Ma d'altronde è la stessa destra americana che esprime un tipo che sostiene che il porno arreca danni al cervello oltre che esprime un becero razzismo. Ecco questa destra americana non mi piace per nulla. 

Che sia la stessa strategia leghista?


Fonte  

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

29 mar 2012

Se uno è scroccone è scroccone.

Il mio post di sabato scorso sul Papa che scrocca il viaggio in Messico ha suscitato una reazione molto violenta su OKNOtizie, noto social network di condivisione delle news. Esclusivamente da parte principalmente di una sola persona, tuttavia molto agguerrita. E ho visto che non sono stato l'unico ad aver suscitato tale sua reazione. Il succo del mio post è semplice semplice, e per nessuno di questi punti mi è stata fornita una risposta intelligente.

Ho detto, in sintesi, in primo luogo che i costi di questo viaggio sono stati tutti a carico del Governo messicano, mentre in Messico ci sono condizioni di estrema povertà di svariate decine di milioni di persone in Messico ed in secondo luogo il Vaticano si sarebbe potuto sobbarcare i costi necessari ad accogliere il Papa ed i pellegrini, ovvero in subordine usare metodi ugualmente efficaci ma molto più economici come le videoconferenze, prodigiosa tecnologia che il terzo millennio mette a disposizione anche di Sua Santità.

Peraltro da decenni la messa domenicale viene trasmessa in televisione, esiste Radio Vaticana, la stampa cattolica: non c'è alcun motivo per scandalizzarsi se si vuole raggiungere un posto lontano e persone lontane con mezzi alternativi.

Apriti cielo. In ordine mi è stato risposto:
(1) come ti permetti di giudicare il Papa e di offendere i cattolici;  
(2) tu non fai niente per i poveri. Vergognati;  
(3)  sei un protestante?
(4) chi ha detto che tocca al Vaticano sfamare i poveri, non sta scritto da nessuna parte;  
(5) come ti permetti di giudicare il Papa e di offendere i cattolici. Vergognati;  
(6) qual è la fonte da cui sostieni che le spese sono quelle. VOGLIO L'ELENCO!!
(7)  sei un protestante? 
(8) i soldi del governo messicano servono per le strutture che accolgono il Papa e i pellegrini non per il Papa; 
(9) come ti permetti di giudicare il Papa e di offendere i cattolici. Vergognati;  
(10) perché i partiti politici, gli organizzatori del Gay Pride e i sindacati non fanno altrettanto?
(11) come ti permetti di giudicare il Papa e di offendere i cattolici. Vergognati;
Il tutto tralasciando il fatto che voleva sapere come e dove fosse scritto che il Vaticano è ricchissimo e farebbe anche la cresta su quanto gli conferisce l'Italia, cito solo un'inchiesta del Giornale e de L'Espresso sul tema; tralasciando il fatto che ha anche distorto scientemente il meccanismo di ripartizione dell'8x1000 inespresso

Inutile dire che non l'ho convinta ed inutile dire che non mi ha convinto. La qual cosa accade quando a critiche circostanziate e precise si fa di tutto invece di rispondere nel merito alle domande che evidentemente colpiscono nervi scoperti.

Difatti niente di niente è stato portato a supporto per dimostrare che una sola parola sulle ricchezze del Vaticano o sulle spese o sulla dilagante povertà in Messico fosse sbagliata.

Se il Papa scrocca mica è colpa mia.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

28 mar 2012

Licenziato Emilio Fede ... e adesso addio carriera politica?

Che volessero cacciare Fede io lo immaginavo già da mesi. Era nell'aria: da quando, cioè, si sparse la voce che aveva fatto la cresta su un prestito di Berlusconi a Lele Mora. Non dev'essere stato bello per B. vedersi sfottere così, da uno che pubblicamente.

Pare non fece piacere a B. che parlasse del palo della lap dance ad Arcore, se lo lasciò sfuggire in trasmissione da Lucia Annunziata. Ma tollerarono. Non era il momento. Cacciarlo subito sarebbe significato far capire che era tutto vero. Meglio lasciare tutto così e far finta di nulla. Ma con un altro nodo al fazzoletto sul conto di Fede.

Non c'è due senza tre: Fede ci ricasca. Così pare almeno. Secondo Corriere della Sera e la Stampa voleva depositare 2,5 mln. di euro in Svizzera. Sarebbe l'unico caso di chi non riesca a depositare tanti bei soldoni nei loro forzieri. 

Fede smetisce e minaccia querele, ma tanto basta per sfancularlo dal Tg4 dopo 19 anni di onorato servizio. Nessun accordo consensuale e forse addio anche alla carriera politica. Che poi con un processo per sfruttamento della prostituzione sulle spalle forse non gli sarebbe nemmeno dispiaciuto.

Il repentino cambio di programma fa pensare che quest'episodio dei soldi in Svizzera, vero o falso che sia, è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Che ci fosse una trattativa è evidente anche dal comunicato stampa che annuncia il licenziamento di Fede, ma che questa sia saltata sembra proprio per quanto accaduto ieri.  



Come dimenticare in ultimo, quando Fede fantasticava di andarsene ad Antigua con Silviuccio: mi sa che adesso andrà a Fregene.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Provenzano, Tanzi e Aiello: sarebbe più onesto sparargli un colpo in testa?

Tre casi molto diversi tra loro, ma per certi versi analoghi sono quelli di Bernardo Provenzano, di Calisto Tanzi e di Michele Aiello. Bernardo Provenzano, a detta del figlio, comincerebbe a non starci con la testa.  

Michele Aiello, prestanome del citato Provenzano, è soggetto a favismo, e per quanto possa sembrare assurdo che in un carcere si serva solo riso e piselli, adesso Aiello se ne sta placidamente ai domiciliari.


Calisto Tanzi, a quanto sostiene, si è pentito ed ha seri problemi di salute che lo portano ad avere un sondino nasogastrico per l'alimentazione artificiale perennemente attaccato.  

In tutti e tre questi casi, nessuna pietà, nel senso di misericordia, per i tre soggetti che hanno, rispettivamente, ammazzato,  utilizzato secondo i magistrati i capitali di Provenzano e truffato mandando sul lastrico decine di persone. Chi viene riconosciuto colpevole di tali delitti deve scontare la propria pena. E tutta. Non sono fatti facilmente perdonabili, se non quanto meno dopo adeguata sanzione. Altrimenti non avrebbe senso la legge, né i tribunali, né le galere.

Anche perché nessuna pietà, sempre nel senso di misericordia, hanno avuto loro nel compiere i loro reati. Anzi. Non mi stupirebbe leggere di testimonianze che raccontino l'arroganza derivante dalla presunta impunità e dal potere. E' quindi anche il caso di mostrare quali siano le conseguenze di tanta arroganza, di tanto disprezzo del prossimo e delle leggi.

Le persone civili si differenziano dai loschi animali trogloditi criminali proprio perché utilizzano un sistema chiamato giustizia e non un sistema chiamato vendetta. Che poi la finalità rieducativa nel carcere è simile all'aria fritta è un altro discorso. Carceri spesso con condizioni disumane, sanzioni che arrivano ad anni di distanza dal fatto commesso e quindi inutili (e ti credo: se si fanno processi per il presunto furto di un ovetto Kinder); l'ergastolo come pena massima, che equivale alla pena di morte civile. Tutto questo manda a pallino la finalità rieducativa. 

Ma almeno proviamo a valorizzare la finalità sanzionatoria. Che serva di esempio per il prossimo, anche se nutro sfiducia anche in questo: molte persone si convincono a stento dei propri errori, figurarsi degli errori altrui (da cui si impara sempre un mucchio di cose). Ma val la pena provarci.

Ma se, indipendentemente da chi sia il carcerato, per sanzione intendiamo che debba vivere in condizioni disumane che arrechino danno alla salute e conduca magari alla morte, tanto vale avere l'onestà di sostenere la necessità di sparargli un colpo in testa e abbuonargli la sofferenza. Risolveremmo il problema della criminalità e del sovraffollamento delle carceri. 

Possiamo discutere sulla solidarietà, che è diversa dalla pietà: possiamo discutere, per esempio, se sia giusto o meno che chi delinqua, poi possa avere la possibilità di non delinquere più, di studiare e di inserirsi nel mondo del lavoro magari anche con un sacrificio della collettività che mantiene in piedi le carceri e le strutture di reinserimento. Ma senza ipocrisie: la riflessione dovrebbe anche passare per un ripensamento della legge penale e delle relative punizioni. Spesso si vede il carcere come vendetta non come sanzione/rieducazione, e questa mentalità fa sì che il nostro codice penale, che nella parte generale è all'avanguardia, ma che nella parte speciale comporta come analoga gravità il furto aggravato (massimo 10 anni) e le lesioni personali gravissime (massimo 12 anni). Danni contro il patrimonio e danni contro la persona, analoga sanzione, quindi analoga gravità.

Dobbiamo privarci di quel falso moralismo per cui se al posto dei tre nomi citati avessi nominato Pepp' 'o Scugnizz', Gioacchin' 'O Zuopp' e Massimin' 'O Pelat' difficilmente ve ne sareste fottuti. Muoiono in galera o fuori, basta che non rompono le scatole ai rispettivi orticelli (remember Candide di Voltaire?).

La giustizia, e non la vendetta, impone che anche Provenzano, Aiello e Tanzi se effettivamente malati e bisognosi di cure, ne usufruiscano, posto che devono comunque scontare la loro pena.

La giustizia, e non la vendetta, impone che reati gravi abbiano le debite sanzioni, non di meno ma nemmeno di più. E quindi che si distingua tra chi ruba per disperazione, perché figlio del disagio sociale, potendo ben essere e più facilmente reinserito in un contesto più dignitoso; e chi delinque per esaltazione, per sfida al prossimo, per prepotenza e disprezzo. Lì il lavoro sarà complesso. E impone anche che al carcere si sostituiscano veri e propri salassi economici: l'unico modo per scoraggiare i reati è colpire al portafogli.

La giustizia, e non la pietà e nemmeno la solidarietà, impongono che il diritto alla salute è per tutti, non per Tortora e Sabani sì, processati ingiustamente ed entrambi morti prematuramente, e per Provenzano, Aiello e Tanzi, ammesso che tutti e tre abbiano effettivamente di questi problemi, no. Altrimenti è vendetta. La giustizia, e non la pietà, però impone che laddove la salute invece vi sia queste persone stiano in carcere e non a spasso e nemmeno in ville di lusso, vista la gravità di quanto da loro commesso.

La giustizia impone tempi rapidi, e quindi via processi su cazzabubbole come l'ovetto Kinder (non) rubato. Ad un attaccabrighe simile andrebbe comminata una multa enorme, per il danno arrecato alla collettività.

Quindi gente, prima di scandalizzarvi, prendete coscienza della complessità dei problemi e mettete da parte la vendetta. Dopodiché tutto forse sarà più semplice. Salvo che non riteniate opportuno sostenere la necessità della fucilazione per alcuni reati. In quel caso sappiate che non sarò dei vostri.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

27 mar 2012

Anonymous è un fake?

ANONYMOUS
Relativamente ad Anonymous, giorni fa appare su Repubblica.it un'inchiesta, o presunta tale, che riportava un'intervista ad un membro di Anonymous. Spiego subito i miei dubbi. Non che  sicuramente sia tutto falso, ma che vi siano delle contraddizioni, quantomeno. Staglianò inizia dicendo:
Le condizioni sono chiare: dovrà essere assolutamente impossibile anche per sua madre e per la sua compagna, per non dire della polizia postale, riconoscerlo in quanto scriverò. Un'intervista criptata. 
Giustamente vuol rimanere anonimo il membro di Anonymous, niente nick, niente nomi. Ma ad un certo punto una sfilza di nick name proposta:
Dici che hai parlato con uno tra Mendax, Attila, Savant, Phate Lucas, N4pst3r, Kirya, Case, B, Tor4k1k1, Netsec
Prima cosa che non va: se io non voglio si sappia che ho rilasciato l'intervista, non faccio nemmeno la sfilza di nick name presenti su Twitter, col rischio di non citarne qualcuno, facendo ricadere i lì sospetti; o di citare l'effettivo intervistato, che rischia di essere poi beccato. 

Un banale controllo tra i contatti Twitter di Staglianò e si vede che l'unico tra i contatti che corrisponde ai nick citati è Phate Lucas, proprio in cima alla lista. Quindi il più recente. Ma mi pare tutto troppo facile per essere vero. Potrebbe essere una mossa per sviare. Potrebbe non voler significar nulla. 

O potrebbe voler significare che ha deciso di seguire colui il quale, alla fine:
Promette nuove iniziative. Mi invita a seguirlo su twitter per essere il primo a sapere.
Appunto. Sempre per l'anonimato. E sempre per non dare informazioni, Staglianò ci informa che:
 Il suo cellulare ha una scheda ricaricabile intestata al cinese sotto casa sua, cui ha dato cento euro per il disturbo. 
E poi il leader-non leader che avrebbe rilasciato l'intervista dice:
"La mia compagna mi vede armeggiare al computer di notte e ogni tanto fa battute su siti porno. Preferisco continui a pensare a quello". 
E qui in pratica secondo me l'ha sputtanato. Non tanto per chi volesse fare un controllo, perché saprebbe che deve risalire ad un cinese non ben specificato di una non ben specificata città del Sud Italia, ma perché la mamma e la compagna ben sapranno se sotto casa c'è un cinese. O almeno io lo saprei. 

La compagna, poi, che si renda conto di sfottere il proprio compagno, appassionato di pianoforte e Carmina Burana (che peraltro piacciono anche a me,  ma che comunque ammetto non hanno la diffusione mediatica di Madonna) e che lo vede armeggiare al pc di notte avrà un sospettino -ino -ino. O sono io paranoico?

Insomma, quanto meno banale. Uno che volesse mantenere l'anonimato inviterebbe a seguire il blog ufficiale, oppure farebbe seguire la maggior parte dei nick che ha elencato, per non destar sospetti. Tutto quanto meno dubbioso.

Mi era stata già segnalata la cosa dal fidato Abbatangelo, dal prodigioso intuito. Soprattutto perché sinceramente Scilipoti e Paniz non sono elementi così sensibili per esportare la democrazia. E già questo mi dava da riflettere. Perché Scilipoti e Paniz sono elementi estremamente mediatici in Italia. Attraggono l'attenzione di tv, telegiornali, blogger. Tutta pubblicità gratuita per Anonymous che ne aumenta il mito.

Poi oggi ne parla Dagospia secondo il quale dietro Anonymous, ma non solo, si nasconde la CIA che utilizzerebbe Twitter per mobilitare i giovani. Una rivoluzione 2.0. Ipotesi molto suggestiva, raccolta nel libro "Rivoluzioni S.p.A." di Alfredo Macchi. Pubblicità anche questa? 

Secondo Dago, che sintetizza il testo, nei giorni delle proteste vennero diffusi, da Anonymous e da altre ignote fonti, alcuni manuali che spiegavano nel dettaglio ai manifestanti come combattere, cosa scrivere e quali bandiere portare.

Diciamo che la cosa non mi stupirebbe se fosse confermata. E diciamo che la cosa significherebbe che, quanto meno, Staglianò ha mancato di tanto così uno scoop. O che, entrambi, stanno contribuendo, magari non volendo, a mitizzare Anonymous più di quanto effettivamente sia. 



Aggiornamento.
Il post è stato ripreso, oltre che da Abba, anche da Pazzo per Repubblica.


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Omofobia: Giancarlo Galan dov'eri negli ultimi anni?

Giancarlo Galan, a La Zanzara, sostiene che l'uscita di Alfano sui gay è stata becera. Pur estendendo la sua condanna alle posizioni analoghe nel suo partito e  posto che sono anche essere d'accordo, vorrei sapere come mai quando era governatore del Veneto e poi ministro non ha detto nulla. Cioè dov'era quando ...
... 19 maggio 2008 - Mara Carfagna (all'epoca Ministro delle pari opportunità): patrocinio ai gay? Non sono orientata a darlo. 
... 16 gennaio 2009 - Stefano Galli (all'epoca capogruppo regionale in Lombardia della Lega Nord) - L'omosessualità è una malattia mentale, e anche se non è da perseguitare possederla non è un colpo di culo.
... 20 settembre 2010 - Carlo Giovanardi (all'epoca sottosegretario alla presidenza del Consiglio)le adozioni ai gay? Nei Paesi in cui sono consentite hanno fatto "esplodere la compravendita di bambini e bambine". 
... 02 novembre 2010 - Silvio Berlusconi (all'epoca Presidente del Consiglio): meglio guardare le belle ragazze che essere gay. 
... 25 aprile 2011 - Carlo Giovanardi: lo spot Ikea pro gay offende le famiglie tradizionali. 
... 20 ottobre 2011 - Massimo Polledri (all'epoca parlamentare Lega Nord) già reo di aver profferito parole poco amichevoli verso la parlamentare disabile Argentin, confonde omofobo con omosessuale e grida: NON SONO MALATO!! 
... 22 ottobre 2011 - Domenico Scilipoti (all'epoca  parlamentare dei Responsabili ): come faccio a spiegare a mio figlio l'omosessualità? 
... 21 novembre 2011 - Domenico Scilipoti (all'epoca  parlamentare dei Responsabili ): i figli dei gay diventeranno come loro. 
... 14 dicembre 2011 - Domenico Scilipoti (all'epoca parlamentare dei Responsabili)"Paola Concia orgogliosa di essere lesbica? Anche i ladri sono orgogliosi di essere ladri". 
... 12 febbraio 2012 - Carlo Giovanardi (parlamentare PDL): le donne che si baciano è come fare la pipì per strada. 
... 14 marzo 2012 - Domenico Scilipoti (all'epoca parlamentare dei Responsabili): due gay possono amarsi anche senza rapporti animaleschi.

Da governatore del Veneto prima e da ministro poi s'è guardato bene dal dire alcunché. Strano eh?

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

26 mar 2012

Tabucchi. Il Giornale: come infangare i morti.

Al Giornale la differenza non sta se si è onesti o disonesti, buoni scrittori o cattivi scrittori, buoni giornalisti o cattivi giornalisti. La differenza è se si è pro-Berlusconi o anti-Berlusconi. D'altronde questo accade quando si decide di compiacere in tutto e per tutto il proprio padrone giustificando ogni sua scelleratezza.

Accade, comunque, che muore Antonio Tabucchi. Ma soprattutto agli occhi del Giornale un antiberlusconiano.  Lo stesso Berlusconi, in totale disprezzo di Tabucchi, nel 1995 dichiarò di non conoscerlo. 

L'intellettuale che scrisse sul Cav il capitolo più fazioso, secondo Paolo Bracalini, che ne rievoca tutto ciò che no va giù ai suoi capi. Un narratore di talento, ma con un solo capolavoro, secondo Giuseppe Conte: che tutto sommato ne dà un ricordo nemmeno tanto negativo, se non fosse per quel con un solo capolavoro. Per dire: i suoi saggi sono tradotti in 18 paesi. 

Gli articoli di Bracalini e Conte a stento vengono letti in Italia: la tiratura media nel 2010 (dati Ads) è di 183 mila unità al giorno. In calo di più di 30 mila unità rispetto al 2006. Brutta l'invidia eh?


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

24 mar 2012

Leoluca Orlando: pensa se ce l'avesse detto in aramaico.

Leoluca Orlando, IdV, qualche giorno fa dichiarava:

Ma ve lo devo dire in aramaico? Ho già fatto il Sindaco di Palermo e non lo farò più ... c'ho messo la firma, rendendo omaggio alla mia grande storia. Ve l'ho detto 100 volte e lo ripeto, non mi candido. 
Inutile dire che ieri Leoluca Orlando ha annunciato la sua candidatura a sindaco di Palermo. Pensa te se ce l'avesse spiegato in aramaico.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Il Papa è uno scroccone, e anche un po' ipocrita. Oltre ad aver ricevuto Lukashenko il sanguinario.

Secondo la CNN il Governo messicano ha speso 11 milioni di dollari per la visita del Papa: orbene 57 milioni di persone non hanno risorse sufficienti per accedere al servizio sanitario, all’istruzione, alla casa e ai trasporti e 26 milioni e 300.000 neanche riescono ad acquistare il necessario per la loro sussistenza.

Era proprio necessario questo viaggio e queste spese? No non erano necessarie. Ma contro l'ipocrisia ecclesiastica sappiamo bene che poco si può fare. Mai sentito nessuno da quegli scrocconi al Vaticano che si assumesse l'onere dei viaggi papali. Invece è il governo messicano che deve pagare fior di soldi da sottrarre alla povera gente.

E' d'altronde evidente che il Vaticano ha sempre avuto questo atteggiamento da armiamoci ed andate: la fame è un problema, va risolto. Mai nessuno che proponesse di vendere le ricchezze immani che posseggono per sfamare chi ha bisogno.

E il bello, se così si potesse dire se non suonasse come una beffa, è che fanno tutto sotto gli occhi della poveraRatzinger ha ricevuto Lukashenko il sanguinario.


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

22 mar 2012

Lega Nord. La Padania fallisce: quando il federalismo si fa benedire.

Che la Lega fosse bisognosa di soldi ero stato tra i primi a dirlo poco dopo in ordine di tempo Marco Travaglio. D'altronde è risaputo che le attività finanziarie della Lega difficilmente hanno successo.

Che poi volessero spillar soldi alla base, è evidente dalla sezione in cui cercano di vendere vetro di Murano, ma sul quale è estremamente difficile vedere la certificazione relativa.

D'altronde era evidente che Bossi desiderasse alzare il prezzo prima con Berlusconi, e lo stesso Monti, che adesso disprezzano tanto, ma che era molto apprezzato da Bossi nel 1995.

In parole povere, lo scorso 16 dicembre la Celtcon srl., la società di produzione televisiva e raccolta pubblcitaria della Lega Nord, ha presentato richiesta di concordato preventivo e di ristrutturazione del debito, onde evitare il fallimento. Inps ed Empals hanno rinunciato complessivamente a 100 mila euro di debiti.

In tutto ciò la Lega Nord prende bei soldoni di contributi da quella stessa Roma che definisce ladrona. 

In tutto ciò, non dimenticatevi i soldi investiti in Tanzania. 13,5 milioni di euro investiti dall'azionista di magioranza de La Padania, la Lega, a fronte di 700 mila e rotti euro di debiti, 100 mila dei quali abbuonati. A spese dei contribuenti.

Ed il federalismo, quando conviene, può anche andare a farsi fottere.



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Derivati Morgan Stanley: vorrei almeno sapere chi è il responsabile.

Lo Stato Italiano ha dovuto pagare 2,6 miliardi di euro (l’equivalente di mezza riforma delle pensioni) alla banca Morgan Stanley per coprire la perdita su un derivato di cui ufficialmente non si conosceva l'esistenza.

E che non si sarebbe conosciuta senza la Termination Clause: in virtù di questa clausola, Morgan Stanley ha chiuso il contratto perché la perdita eccede le garanzie. Ciò vuol dire che senza tale clausola, avremmo continuato a perdere senza che nessuno dicesse alcunché.

Il problema dei derivati, in estrema sintesi, è che sono strumenti finanziari in relazione ai quali non c'è alcuna regolamentazione organica, men che meno trasparenza.

Le pubbliche amministrazioni che usano tali strumenti, non pubblicano (come sono invece obbligate le società) la loro esposizione finanziaria verso le banche. E secondo Bloomberg saremmo esposti per 160 miliardi di dollari!!

Se volessimo mantenere un linguaggio di diritto societario, noi siamo gli azionisti dello Stato: abbiamo tutto il dovere di partecipare alle spese ed alle perdite, ma abbiamo anche il diritto di partecipare agli utili e soprattutto alle decisioni che determinano poi le une o le altre cose.

Che poi il problema non sono tanto nemmeno  i derivati, in se e per se. Specie quando si parla di società private: è una scommessa. Né più né meno. Se il valore sale, guadagno, se scende ci perdo. Quindi il problema è intanto l'abuso dei derivati, un po' come per i farmaci.

Se ci trovassimo in una società privata sapremmo chi ha firmato il contratto ed a quali condizioni: sarebbe il caso che il Tesoro ci informasse anche relativamente a quest'aspetto, visto che si parla di miliardi e non di spiccioletti.


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Compiere un attentato in una giornata lavorativa...e chi se l'aspettava!!!

Come saprete, forse, ieri il consigliere comunale Musy ha subito un grave attentato e ancora adesso è in condizioni molto gravi. Cota commenta da par suo, meravigliandosi dell'attentato in una giornata lavorativa ....





Qua ho appreso dell'inusitato spregio alla giornata lavorativa da parte degli attentatori, qua, invece, potete godervi l'intero Tg1 delle 13:30 di ieri (Cota parla attorno al minuto 9).


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

21 mar 2012

Poi dici che uno s'infuria ...

Wil segnala come Nicole Minetti, mentre crolla buona parte della politica locale in Lombardia, s'infuria perché le fotografano il culo. Son problemi in effetti.

Dev'esserci rimasta male, visto che la sua precedente campagna, quella in cui si presentava con la T-Shirt in cui ci informava che in fondo senza era meglio (e non ne abbiamo dubbi) o con lo stile da cavallerizza

Lì ben poco era lasciato all'immaginazione. Poi dici che uno fotografa. Ma se non vuoi essere notato e fotografato, stai a casa, oppure ti vesti in modo informale.

Libero, dal canto suo, non poteva fare a meno di proporre i suoi mega scoop.


Già è meglio il seno? Ah, i problemi della vita. Speriamo che ce li risolvano presto, sento che la popolazione non potrà resistere per molto.



Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

20 mar 2012

Il Papa, Berlusconi ed il dittatore sanguinario.

Ebbene sì, proprio di Lukashenko si parla. L'amico di Berlusconi, che di lui apprezzava “lo sviscerato amore che il popolo nutriva per lui”; colui che La Russa, tra tante gaffe, non sapeva chi fosse. 

Ebbene Lukashenko è un dittatore. Casomai ve lo foste dimenticato. Noi abbiamo già una superba tradizione che premia i dittatori esteri, addirittura con il massimo riconoscimento possibile in Italia.

La Bielorussia, paese di cui per l'appunto Lukashenko è il dittatore, è l'unico paese che detiene la pena di morte come massima sanzione, e proprio in questi giorni sono state eseguite le ultime due esecuzioni. Le vittime sono state condannate a morte senza che nei loro confronti fosse stata esperita alcuna prova circa la loro colpevolezza.


Ed anche se fossero state trovate le prove, la condanna a morte rimane sempre la più incivile e barbara sanzione si possa conferire ad un essere umano.

Anche le modalità di esecuzione della condanna a morte paiono disumane, anche se le parole della madre di una delle due vittime non sono confermate, anche se paiono plausibili.


La confessione firmata resa dai due, sarebbe stata estorta dietro la garanzia della grazia, pare per coprire un'operazione terroristica. Ma poi niente. Lukashenko ha voluto esibire la propria turpe autorità.


Berlusconi, comunque, non è solo in questa vile amicizia. Anche il Papa violò il divieto internazionale di intrattenere relazioni diplomatiche con il regime.

Così, giusto per farvi notare l'ipocrisia

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.


19 mar 2012

Da Riina Jr a Bossi Jr.: dialogo immaginario con il diario di Renzo Bossi.

 Ovviamente il diario riportato di seguito è finto ed ironico ... ma è sempre bene precisarlo ... il Trota pare abbastanza permalosetto.


Caro diario,

oggi a momenti mi viene un infarto !
Te lo giuro, stavo provando il mio nuovo bolide, ne apprezzerai certamente lo stile e il lato artistico oltre alla fluidità, te la immagini una trota sulla Milano Varese a 200 all'ora...?
Insomma dicevo, ecco che ricevo una raccomandata e indovina un po' mi scrive un certo Salvatore Riina junior, un giovanotto simpatico, te lo giuro simpaticissimo, molto garbato, direi a modo, a cui qualche sciagurato di quella scalcinata Telepadania che dovrei dirigere ha fatto un grave sgarbo!
Ma ti rendi conto prendersela così con un giovane traviato dalle cattive compagnie e incamminatosi sul viale del riscatto personale?! In breve ho chiamato Nicole Minetti, lo sai che è molto sveglia per chiederle un consiglio sul da farsi e lei (dal rumore) credo sia caduta dalla sedia, io le chiedevo come sta giustamente allarmato, te lo giuro ero in ansia per lei, non per le tette ... e lei rideva argentina con una gaiezza da ragazzina innamorata!
"Che devo fare, santo cielo dimmi che devo fare..." ansimavo sudando come una fontana, mio malgrado il pensiero andava al Generale Della Chiesa ed alla strage di Copeka city...o qualcosa del genere...
Le ansimavo letteralmente la mia angoscia.
Lei "chiama Maroni no, che aspetti ? " e scoppiava di nuovo a ridere.
"Ma non ci stiamo più al Viminale..." dicevo disarmante e te lo confesso ho sperato, sperato invano che mi desse un consiglio ma niente, continuavo a sentire cose che cadevano, bicchieri che si spiaccicavano in frantumi a terra e risate al che istintivamente ho dedotto o che era sbronza oppure che alle donne faccio effetto, non ci piove !
Ripassai la lista degli amici elencandoli tutti ebbene (dio che vergogna) tutti si mettevano a ridere...
Zio Maroni "ma và là pirlun..." ...Calderoli non te ne parlo neppure, Zio Borghezio che sapete ci era passato dall'Antimafia (lo so dura a credersi) dice che certamente si tratta di una burla e conclude che male che vada se la mafia ci attacca ci fà guadagnare un bel po di consensi e il dio Po sà quanto ne abbiamo bisogno (...) brivido; ribadisco che forse gli è sfuggito un dettaglio:la pellaccia in gioco è la mia e lui di rimando " nipotino caro,non eri tu che volevi fare di me il primo martire della Padania per poter iniziare il tuo stramaledetto album di figurine?! "
Il solito ingrato, giriamo la pagina che è meglio.


Caro diario te lo confesso, sto cercando sulle pagine Gialle di Padova il telefono di quella benedetta associazione per la redenzione del giovane traviato dalle avverse circostanze, faro una cospicua donazione (che poi qualcuno, quant'è vero il dio Po mi dovrà rimborsare, non certo Telepadania che ormai non hanno neanche le lacrime per piangere) e spero ardentemente di riuscire ad esternare la mia ammirazione verso Salvatore, mi offriro di scrivergli una bella raccomandazione, ci dovrà pur essere un paesotto nel padovano (anche di trecento abitanti) che ha bisogno di un giovane volonteroso sindaco !
Dimenticavo, Manuela, la mamma è siciliana, ci farò parlare anche lei, sicuramente tra paesani...
... e speriamo che la faccenda non giunga all'orecchio di papa, già me lo immagino, li dritto come un palo, che dico come un castagno secolare con il cipiglio duro e l'immancabile toscano al labbro che alza il dito !
Per tutti gli dei dell'universo celtico perchè tutti mi vogliono incaprettato o in un pilastro di cemento !!!


Qui la seconda parte delle (finte) considerazioni del (finto) Trota.


Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

17 mar 2012

Ufo: cronaca di una bufala extraterrestre.

Il 14 marzo scorso, Fabio Arrigoni pubblica su Affaritaliani.it un articolo che si rivela presto essere una panzana bella e buona.

Secondo Arrigoni tra novembre e dicembre del 2012 arriverebbero gli alieni sulla Terra: difatti, sempre secondo Arrigoni, il SETI avrebbe annunciato l'avvistamento da parte del sistema di ricerca HAARP, in Alaska, delle astronavi che presto saranno visibili anche dai telescopi ottici. Non un link, non una fonte citata, niente di niente. Una frase colpisce nell'articolo:
La data del presunto contatto con le civiltà extraterrestri porta in primo piano nuovamente le profezie inerenti il calendario Maya, che termina il 21 dicembre 2012. E' solo una coincidenza?

Per citare Paolo Attivissimo sul tema: no è solo una cazzata. Immane, aggiungo io. Arrigoni  poi conclude la mega-panzana dicendo:
Stando ad altre fonti non ufficiali, tre navi spaziali simili sarebbero sbarcate nei pressi di Cina e Indonesia nel novembre 2011. Sono state identificate come astronavi aliene provenienti da un misterioso pianeta Gootan.
E a quando il contagio da Kryptonite? E l'invasione del topo-cane? Dunque fino a quel momento aveva citato fonti ufficiali, senza peraltro riportare le fonti del proprio reportage, per poi dar conto anche di fonti non ufficiali.

Dopo essersi beccato una pioggia di critiche, oltre che la smentita del SETI, Arrigoni, invece di scusarsi e di ammettere di aver scritto una cazzata megagalattica, risponde alle critiche  propinandoci un'introduzione assolutamente inutile ai fini delle critiche e poi facendo ancora riferimento al probabile arrivo sulla Terra di tre gigantesche astronavi, e che ha fatto il giro del web.

Già Attivissimo ha fatto notare il totale disprezzo per la lingua italiana. Faccio notare qui che il termine PROBABILE significa testualmente: che può essere provato facilmente; che è verosimilepossibile. Arrigoni, quindi, usa quel termine a sproposito: difatti costui fa riferimento ad una panzana mai provata, nè facilmente né difficilmente, che non è verosimile né possibile, almeno non in quest'occasione. Spregio dell'italiano che si vede anche nel non accentare i  nel senso di negazione.

Poi il colpo di genio:
Da studioso della materia, ci tenevo a chiarire, per coloro che avessero inteso diversamente, che non ci sono fonti che confermano da parte del SETI (Search for Extraterrestrial Intelligence) questa notizia ...
Ah però. Abbiamo uno studioso della materia. Un astronomo? Uno scienziato? No: stando al sito internet di Fabio Arrigoni (da notare che la foto sul sito personale è uguale a quella su Affari Italiani) si legge testualmente alla scheda "Chi sono":
Studioso dei comportamenti umani, e dei "misteri" che accompagnano l'uomo, nella sua infinita ricerca del "vivere" meglio. 
E che specializzazione è? Presso quale facoltà è stata conseguita? Apprendiamo che collabora con Tv, radio, quotidiani e riviste di diffusione nazionale. Quali di grazia? Non ci è dato saperlo. Gli unici articoli scritti di suo pugno cui si fa riferimento sono quelli di Affaritaliani.it. Gli altri sono articoli che lo citano (e son pochissimi).

In compenso, se volete acquistare a soli 14,50 euro il suo splendido libro: La mia vita con gli spiriti. Quanto meno sarebbe stato appropriato definirsi come appassionato e non studioso. O quanto meno inserire tra virgolette il termine studioso.

Arrigoni smentisce anche se stesso, perchè nell'articolo originale scrive testualmente:
... stando a ciò che mezzi stampa specializzati e non solo, hanno riportato su scala internazionale, pare proprio che la notizia sia fuoriuscita da esperti che collaborano con il noto istituto di ricerca SETI (Search for Extraterrestrial Intelligence), che hanno fatto un importante annuncio: "Tre astronavi giganti si stanno dirigendo verso la Terra.
Salvo poi rimangiarsi che il SETI avesse detto alcunché. Orbene: potete osservare quanto già detto prima. Nessuna fonte, nessun articolo. Quali sono i mezzi stampa specializzati e non solo? Un dato sospetto già per Arrigoni era il chiedersi perché quest'importante annuncio, fatto ai media, non è presente sul sito del SETI (che ricordiamolo: ha smentito Arrigoni).

Ogni studioso, ed anche ogni giornalista che si rispetti, parla quando ha le fonti che confermano quanto dice. Altrimenti tace. Arrigoni, quindi, ammette candidamente di non avere alcuna fonte e di aver dato libero sfogo a voci, fantasie del primo che capita senza prendersi la briga e la decenza di controllare alcunché.

E allora perché mai ha pubblicato la notizia?
... la notizia che ho voluto riportare, in quanto ne hanno parlato molti media su scala globale. 
Capito l'amico Fritz? Ne parlano tutti (ma de che!!) e ne parla anche lui. Pazienza se sono fregnacce già smontate nel 2010. Intanto circa 400 allocchi che hanno messo mi piace a quell'articolo ci son cascati. 

E conclude (notate le virgole):
Certamente, rimane nostro compito, seguire attentamente le novità intorno a questa faccenda, se ci saranno. Ora stiamo ad attendere, si sa mai che Craig Kasnov (o Kasnoff), si faccia vivo.
In realtà il compito di Arrigoni, e di tutti i giornalisti, non mi stancherò mai di ripeterlo, è di verificare prima e non dopo. E non sperando si faccia vivo. Questo fantomatico Craig Kasnov (o Kasnoff !!!!!) doveva essere interpellato prima. Così avrebbe scoperto che non esiste. Magari anche un controllino anche al SETI avrebbe consentito di sapere che non lavorava lì e avrebbe confermato non esiste.

Un controllino in rete (nemmeno nelle fantomatiche riviste specializzate che lo studioso Arrigoni non si degna di citare), avrebbe fatto notare senza tanto sforzo che è una notizia vecchia e sbufalata.

Spero solo che Affaritaliani.it lo cacci a calci nel didietro e non si avvalga della collaborazione di un soggetto simile.

Roba che manco Bonanno alla squola padana o il superpatano Borghezio avrebbero saputo fare peggio.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

16 mar 2012

Twitter: che qualcuno mi spieghi il senso di alcuni retweet please.

Sarà l'invidia per il fatto che ha superato i 300 mila followers e io no, sarà perché è fidanzata con Boateng e non con me, sarà quello che vi pare, sarà che forse non ho capito appieno Twiter, ma non ho capito la necessità di retweetare "Che bella giornata a Milano" o "Buona Notte". Men che meno metterli tra i preferiti.

Capirei una battuta di spirito, una massima filosofica, una barzelletta in 140 caratteri, un link. 

Ma poi anche trasformare Twitter in uno strumento per la conversazione sul tempo, non mi pare proprio il massimo per sfruttare la tecnologia. 


Queste son conversazioni da ascensore con la vicina rompicoglioni. E concludi sempre con d'altra parte è così. Ma giacché hai un profilo Twitter con 300 mila fottutissimi followers che dio solo sa cosa si aspettano di vedere, forse il filmino hard con Boateng, mi aspetto quanto meno qualcosa di più interessante. 

Se è o meno una bella giornata lo so vedere di mio, non ho necessità di andare sul profilo di Melissa Satta. E se ci vado non è per le previsioni del tempo.

Ma poi anche chi le risponde. Ma perdonate l'ignoranza: secondo voi, cari emeriti followers, siete in 300 mila. Può mai ricordarsi o conoscere o rispondere a tutti voi? Specie se scrivete banalità tipo: il sole sei tu? Suvvia un po' di fantasia.

A meno che, quindi, qualcuno non sappia darmi una spiegazione plausibile, per cortesia non stracciate i maroni e dedicatevi a qualcosa di più utile che retweettare la buona notte di Melissa Satta. Che tanto è fidanzata con Boateng e con voi non ci viene manco se vittima di torture cinesi.

Grazie.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

15 mar 2012

Sara Tommasi: difficilmente vedrete questa sua pubblicità semiporno in tv.

Che Sara Tommasi non fosse granché come testimonial, ce lo ricordano purtroppo i video girati per Alfonso Luigi Marra sul signoraggio bancario.

Il Giornale e le grandi inchieste: perché Dio s'è distratto?

Già, perché Dio s'è distratto? Questo è il titolone che campeggiava stamani nel redazionale de Il Giornale.


Così giusto per farvi capire a che livello siamo per descrivere una strage di 22 bambini. Purtroppo gli imperdibili sondaggi di Libero non sono soli a questo mondo. 


Via Nonleggerlo.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

14 mar 2012

Maroni e i baluba con la barba.

Se io fossi un elettore leghista m'incazzerei e non poco per questa notizia. A parte l'Alberto da Giussano in tutte le sue varie formulazioni, m'incazzerei per essere definito per baluba con la barba. 

Solo per la cronaca, i baluba in dialetto lombardo e piemontese è sinonimo di persona ignorante ed arretrata. Fate voi. E tutto per ottenere voti. Ideologie, convinzioni, pensieri. Tutto nel cesso. Tutto nel nome del desiderio di potere. Quel potere romano che nello statuto e nei comizi coi baluba contestavano, a questo punto anche in tal caso potrei pensare per attrarre voti, ma una volta a Roma, vai con la pajata.


Analogamente per i vari penultimatum a Berlusconi fatti a favore di baluba. Servivano per placare la folla. E magari alzare il prezzo verso Berlusconi, viste le casse vuote.


Adesso la strategia è tutta chiara e anche se l'intento è quello di darsi una ripulita, anche la citata ripulita serve a favore di voto. Nuovi baluba, magari sbarbati e ordinati questa volta, crederanno ad un cambiamento sincero.


Nel frattempo attendo che Maroni mi definisca tutti i suoi colleghi di partito messi lì ad istigare i baluba di cui sopra. Sono baluba con la barba anche loro? Sono baluba dal colletto verde?

Un Matteo Salvini che canta canzoni contro i napoletani, o un Borghezio che parla al comizio sfidando l'embolo per esempio è straordinariamente calzante sul tema.

Il tutto in attesa di un'ulteriore lectio magistralis di Bobone che ci dia delucidazioni.





Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

13 mar 2012

Libero: a Belpietro & co. non la si fa.

Libero si conferma giornale d'inchiesta e sempre sul pezzo e con articoli di stringente attualità e di prioritaria importanza. 

Come per esempio l'appello affinché il presidente Napolitano si muova in prima persona per liberare i marò in India. La dicitura: Libero a fianco dei due marò italiani in carcere in India fa subdolamente capire che Napolitano (e il Governo Monti) non sono a fianco dei marò, quando non è proprio così. Il che ricorda il boicottaggio delle merci indiane rilanciato dal Giornale.

Segue ulteriore sondaggione: chi fa più pena tra Bossi e Berlusconi?


Sentite anche voi l'impulso di condividere le battaglie, gli appelli ma soprattutto i sondaggi che Libero ci propone? Io ho sentito altri impulsi, ma dubito che vi interessi della vita della mia flora intestinale e della mia diuresi. 

Ma Libero il colpo grosso ce lo riserva sul ministro Giarda. Roba da far accapponare la pelle. Un dossier compilato grazie a fonti riservatissime, che hanno trasmesso file di una delicatezza unica sul ministro. Costui ha le orecchie a sventola e nientemeno il Corsera vuole nascondercelo perché in ginocchio ai piedi del governo Monti. Non ci credete? Guardate qui:



E con tanto di fotogallery con le vere orecchie di Giarda (giuro che la dicitura è riportata testualmente).

Cosa dire: a Belpietro & co. non la si fa di certo.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Paniz concorda ... e se concorda lui, buona camicia a tutti [AGGIORNATO]

Sì, Paniz: proprio colui che riteneva che Ruby fosse la nipote di Mubarak, quasi più di Silvio (ed evidentemente anche di Mubarak stesso); colui che mentirebbe per vincere un processo. sì sì proprio colui che fece chiudere con una querela Vajont.info, adesso concorda col dare il traliccio al No Tav Turi Vaccaro



 Per la serie: Maestà il popolo ha fame ... e dategli un traliccio.

Update - Paniz caccia la supercazzola:





Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

12 mar 2012

Sfigati: che tristezza i "non sfigati"

Spesse volte la solidarietà in questo paese viene vista come qualcosa di infamante. Da coloro, per esempio, che vorrebbero il Sud abbandonato a sè stesso, dimenticando in toto che proprio dal Nord Italia provengono alcuni dei mali del meridione (devo ricorare come gli imprenditori patani sono venuti a sversare nelle terre campane?).

La solidarietà non è proprio considerata da chi pensa sia sfigato chi non si laurea in tempo, chi guadagna 500 euro al mese. Magari tra un po' sarà sfigato chi compra utilitarie usate, o chi ha la toppa nei pantaloni.

Laddove non si considera che non tutti abbiamo lo stesso tempo di apprendimento, di superamento dell'emotività, di maturazione personale e sociale, si perde di vista la complessità dell'animo umano e la consapevolezza del diverso. Comportamenti che poi sfociano nel machismo, nel maschilismo più becero, nell'omofobia, nel razzismo. Tutti uguali nell'apprendimento, nei gusti, nelle reazioni. Tutti eterosessuali, bianchi, vogliosi di donne porche. Ultimo libro letto: l'etichetta dello shampoo mentre andavo di corpo in un bordello Thailandese.

Non riuscire a capire il prossimo, ma giudicarlo; non riuscire a compenetrarsi nell'altrui realtà diversa dalla propria è segno di una povertà d'animo non s'impara sui libri, nè si compra coi soldi, nè con la bellezza.

Ed è inutile dire che chi è privo di questa sensibilità è decisamente uno sfigato. La qual cosa è decisamente triste.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

11 mar 2012

Non ditelo a Berlusconi.

Qualche giorno fa avevano arrestato le Femen, adesso è il turno delle Pussy Riot ree di aver organizzato una manifestazione anti-Putin, e di aver tenuto un concerto, con una canzone giudicata blasfema, interpretata sul sagrato della Cattedrale del Cristo Salvatore.

Proprio le Femen avevano preso di mira la stessa cattedrale di cui sopra. Adesso la storia si ripete con questo gruppo rock femminista che mette sempre più in luce la politica di repressione del dissenso che sempre più spesso Zar Putin, l'amico di Silvio, attua in Russia.

Il reato ascritto alle Pussy Riot è di incitamento all'odio razziale e alla cospirazione. Sette anni di galera. E a quanto pare due di loro hanno anche un figlio piccolo che non sa a chi essere affidato.

Il tutto mentre anche nelle ultime ore le proteste continuano: i manifestanti accusano Putin di brogli elettorali. Lo stesso Putin riconosce le violazioni, ma a suo dire non avrebbero cambiato l'esito elettorale. E vai a dimostrare il contrario poi.

Non fatelo sapere a Berlusconi delle Femen e delle Pussy Riot ... volesse fare del bene anche a loro.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille! Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.

Backlinks su Pensare è gratis.

StatsCrop