30 giu 2010

Il professore da 30 alla figlia e scoppia il putiferio.

«Sono stato regolarmente autorizzato dalla direzione, anche perché non c'erano alternative: io sono l'unico docente di Restauro. Del resto, se non sbaglio, un caso ben più eclatante era scoppiato a Roma, con l'attore Carlo Verdone esaminato dal padre, ed era stato chiarito che non si tratta di una cosa illegale». 
 
Questa la difesa del professor Tiozzi dinanzi alla denuncia di Igor Lecic, il quale, per completezza d'informazione, ha intentato una causa per mobbing nella quale Tiozzi si sarebbe rifiutato di testimoniare.

Non so se sia illegale o meno quanto accaduto, o se siano solo veleni tra due colleghi universitari; ma so per certo che è incompleto il richiamo al caso di Carlo Verdone esaminato dal padre. Semplicemente per un dettaglio: MARIO VERDONE BOCCIO' IL FIGLIO (MERITATAMENTE) E NON GLI DIEDE 30 E LO FECE RIESAMINARE A OTTOBRE DA UN'ALTRA PROFESSORESSA.


Traiamo conferma di tutto ciò dal libro Parentopoli, di Nino Luca (Marsilio). Il brano è apparso anche sul Corriere della Sera ed è lo stesso Mario Verdone a raccontare. Un raro esempio di serietà professionale ed onestà.

Il professore ha 92 anni e mi fa: «So’ solo un po’ sordo ma ancora ricordo bene. La storia fu questa. Andò che gli feci la prima domanda» attacca il professore. «E lui niente... non mi rispose». Quel giorno gli esami si svolsero in una sala dove c’erano molti studenti che attendevano il loro turno d’interrogazione. «Allora mi dica questo... e lui di nuovo niente!». L’interrogato faceva scena muta. La materia trattava di cinema e l’aveva introdotta il professore stesso per la prima volta nell’università italiana. A quel punto il docente prese la sua decisione: «Guardi» gli dissi, «è meglio che torni ad ottobre. A quel punto lui ha fatto:
«Papà, ma mi bocci?». Ed io: «Mi dia del lei. Ora vada». E si alzò! E con lui so’ andati via tutti gli studenti perché hanno pensato «se boccia il figlio boccerà pure noi». E così rimasi solo nella stanza».

Ma poi come andò a finire l’esame di suo figlio?
«Finì che ad ottobre gli feci fare l’esame da un’altra professoressa. La signora Evelina Tarroni. Lei fu soddisfatta e lo promosse. Io mi misi da parte perché mi seccava di tornare sull’argomento. E quel giorno non mi presentai in università».


E quando vi rivedeste la sera a casa?«La prima volta dopo la bocciatura riconobbe che a quelle domande non aveva risposto. La seconda volta, ormai vittorioso, mi disse:
«Sai papà, sono stato promosso». Bene, son contento, gli risposi. Si vede che ti sei preparato bene stavolta». 
 
Notate le differenze tra la figlia del professor Tiozzi e Carlo Verdone? Vogliamo ancora marcare la differenza? Beh poi Verdone ha vinto 7 David di Donatello; 7 Biglietti d'oro e 4 Nastri d'Argento più altri svariati premi. Forse quella bocciatura servì e se non servì da sola, aiutò.

Tutte le balle sulle intercettazioni.

1° BALLA: 7 milioni di persone intercettate/Siamo tutti intercettati.
Il ministero della Giustizia, in realtà, rende noto che nel 2009 ci sono stati 132.384 bersagli intercettati. Non significa 132.384 persone intercettate, perché consideriamo che ognuno di noi può avere anche diverse utenze telefoniche: l'utenza del cellulare personale + l'utenza fissa di casa + l'utenza fissa dell'ufficio + l'utenza del cellulare aziendale sono quattro utenze.

Occorre smentire chi sostiene che siamo tutti intercettati: Elio Cattaneo della Sios, una società di intercettazioni, ritiene che intercettare una persona significa controllare 5,3 utenze per ogni bersaglio cioè circa 27 mila persone, non 7 milioni.

2° BALLA: le intercettazioni costano troppo.
Non costano nè toppo nè poco, anche perché occorrerebbe un termine di paragone: rispetto a cosa? Rispetto a paesi che non hanno la criminalità organizzata? e mi sembra ovvio che dobbiamo spendere di più. Rispetto ai guadagni? Beh le intercettazioni si finanziano da sole: 224 milioni di euro spesi nel 2007, secondo il ministero della Giustizia e solo per la scalata alle banche milanesi hanno recuperato 1 miliardo di euro.

Per la cronaca: quando sentite parlare di 400-500 milioni di euro, non spaventatevi, perché parlano dei debiti che il ministero ha accumulato negli ultimi anni.

Sia poi detto per inciso: pedinare una persona costa di più che ascoltarne le telefonate.

3° BALLA: le intercettazioni sono troppe.
Anche in tal caso manca il termine di paragone, e non è un caso. In mancanza ce lo metto io un termine di paragone: i processi. 80.000 decreti emessi dal giudice per autorizzare/convalidare le intercettazioni su 3 milioni di processi annui (fonte il Ministero della Giustizia).





Giusto per ricapitolare.
Ricapitoliamo le balle sesquipedali che ci propinano: non potendo paragonarci a paesi che hanno un'incidenza della criminalità organizzata così alta come ha l'Italia, le intercettazioni non costano molto, anzi si autofinanziano, quindi per certi versi fanno guadagnare lo Stato.


Volendo azzerare i costi, si possono costringere gli operatori telefonici a lavorare gratis per lo Stato sulle intercettazioni. Vengono utilizzate le intercettazioni, dati del 2007, nello 0,26 % dei processi, quindi molto raramente e, salvo voler ammettere che 7 milioni di italiani (men che mai tutti gli italiani) siano implicati nello 0,26% dei processi, non ci sono così tante le persone intercettate, perché sono circa 27 mila, per cui volendo coinvolgere 7 milioni di italiani ognuno dei 27 mila intercettati dovrebbe parlare al telefono con 259 persone, oltre le telefonate con conoscenti/parenti/cognati/amici in comune.




Il problema, quindi, non è la privacy dei cittadini comuni (per intenderci quelli che non commettono reati). 




Giusto così per chiedere.
a) Perché lo Stato non compra le apparecchiature invece di noleggiarle, visto che poi rientrerebbe nella spesa?

b) Perché lo Stato non obbliga gli operatori telefonici a fornire i propri servigi gratis?


 
MEDITATE GENTE, MEDITATE






p.s. Sull'home page trovate anche lo speciale di Repubblica sulla Legge Bavaglio

29 giu 2010

Pietro Taricone è morto.

Quando nel 2000 Taricone divenne famoso, pensai che probabilmente era uno un po' esagerato e sbruffone, ma in sè non mi sembrava pessimo. Ma già dal rifiuto di andare da Costanzo, notai un certo coraggio. Ma chi è venuto dopo al GF, almeno nella quasi totalità, è ritornato ad essere un ottimo sconosciuto,  tranne le eccezioni che ho già segnlato, dopo essere stato un fenomeno da baraccone di mediocre livello.

Pietro Taricone, il suo fare un po' spaccone ed esagerato certo spiazzava, ma lui ha sempre affermato di aver recitato un personaggio. In ogni caso, ammesso pure che col tempo sia cambiato, si è differenziato dai più usciti dal GF: ha studiato recitazione, e ha cominciato a lavorare sodo. 


Forse non ha completato il suo cambiamento e del tutto la sua preparazione artistica, e non è riuscito a scrollarsi del tutto il cliché, ma la buona volontà di sicuro c'è stata e di questo occorre dargli atto.  Così come occorre dargli atto che è stato tra i più simpatici di 10 anni di GF. Avrebbe meritato di sicuro più tempo per farsi valere ancora di più.

28 giu 2010

In Islanda la premier lesbica fa una legge ad personam: consente i matrimoni gay e si sposa.

La questione è di mentalità: in Islanda vengono legalizzati i matrimoni gay e la premier, sottolineo LA premier e sottolineo ex hostess, sposa il giorno stesso la sua compagna essendo dichiaratamente lesbica. Voglio esprimere i miei sinceri auguri alla neo coppia di coniugi.

Nessuno dubiterà del valore della famiglia in Islanda, o forse ci sarà qualcuno che griderà alla legge ad personam anche lì, solo che li forse non sanno cosa accade qui da noi.

Ecco immaginate in Italia, dove già la cultura della donna in carriera e anche in politica troppo spesso va di pari passo con la subcultura della donna che arriva a compromessi per potersi far valere, peggio se bella. Bisognerebbe valutare di volta in volta e non effettuare una sorta di equazione: donna potente = l'ha data a qualcuno di importante.

Se forse riuscissimo ad avere più donne al potere ciò non accadrebbe, verrebbe visto come normale; analogamente non accadrebbe se le donne ed anche i gay fossero trattati alla pari dalla Chiesa, la quale professa da un lato che siamo tutti figli di Dio e che dobbiamo amare il prossimo; ma minaccia scomuniche per le donne che volessero ambire al sacerdozio, sostiene che i gay sono contro natura, figurarsi se consentire loro il matrimonio.

Anche la politica (laica) non aiuta nè sui matrimoni gay nè sulle donne. L'idea che debba esserci obbligatoriamente una quota rosa la trovo offensiva, equivale a dire: approfittatene, altrimenti col cavolo che qualcuno vi chiama. Anzi è la dimostrazione che è la nostra mentalità che è sbagliata, è la mentalità per cui la donna sta a casa a fare la calzetta mentre l'uomo assolutamente virile va con gli amici a parlare di cose serie.

Questa discriminazione è derivante da un retaggio culturale maschilista che non immagina che una donna possa governare bene un paese, figurarsi i gay, lesbiche e trans che sono vittima di una mentalità per lo più strisciante secondo la quale sono considerati gente di second'ordine degni dei peggiori bordelli non da chi è ignorante, ma da chi dovrebbe essere una guida. E quando questa mentalità emerge si parla di balordi.


Mi chiedo cosa succederebbe se avvenisse una cosa simile in Italia.


27 giu 2010

Rifatevi occhi e orecchie e imparate da chi è bravo.

Ritorno a parlare di Gemma del Sud la quale ha lanciato una sfida: vuole vedere se c'è qualcuno bravo a cantare e ballare e che di conseguenza si può permettere di criticarla. In realtà non è detto che solo chi sa cantare e ballare può esprimere una critica. Come spiega bene Ally in un suo video, si tratta di buon senso.

Comincio subito dal proporvi il materiale che ho trovato e vi dico che entrambe meritano di essere viste e sentite.








Adesso posso narrarvi quello che ho passato prima di trovare queste due ragazze: i requisiti Gemma aveva inserito era che solo le ragazze magre e alte più di 1.74 possono partecipare e dimostrare il loro talento (capirei determinati requisiti fisici per ballare, ma per cantare chi se ne frega dell'altezza). Va beh: ho cercato tra le mie conoscenze e ho pensato a Lily Allen, ma è alta 1 metro e 57 centimetri. (come ha fatto a vendere più di tre milioni di dischi?). Poi ho passato le ore in giro per il mondo col centimetro in mano. Era disponibile anche Kylie Minogue , scartata perché i suoi 152 cm surclassano il fatto che ha venduto soli 60 milioni di dischi; così per Avril Lavigne, Geri Halliwell, Shakira e Nelly Furtado sono alte 1 metro e 58 a testa. Amy Winehouse, Cristina Aguilera (45 milioni di dischi), Britney Spears (66 milioni di dischi) e Shania Twain (65 milioni di dischi) sono a cavallo del metro e sessanta e quindi anche per loro ho dovuto dire loro di no. La più insistente è stata Madonna che mi ha tempestato di telefonate, è venuta a casa, ho dovuto insistere per ore per convincerla che non poteva fare il video da mandare a Gemma del Sud perché troppo bassa, e che non ce ne frega niente che 200 milioni di persone hanno comprato i suoi dischi. 

Ma sono fermamente convinto che Sabrina e Mery se la siano cavata molto molto bene perché HANNO STUDIATO PER CANTARE E BALLARE!!! Mica cotiche.


Tralascio tutta la cagata sesquipediale della sorella gemella di Gemma (ho trovato questo video solo caricato sul canale Cazzate dal web e non su quello di Gemma, non so perché), e qua penso nemmeno i fratelli (anzi le sorelle) Capone potevano arrivare a tanto: un banale effetto creato al pc fatto spacciare per sorella gemella. E poi immagino la scena, per come la racconta lei: questa che arriva in gelateria e trova la sua sosia e le chiede: scusa ma siamo uguali come ti chiami? e scopre che hanno lo stesso nome e cognome, sono gemelle, forse sono state separate alla nascita e per prima cosa che pensano di fare??? Ovviamente dei video insieme in cui cantano e ballano (convinte entrambe proprio). 

Adesso scusatemi ma devo assolutamente cercare di capire dove c'ho scritto Giocondo.

26 giu 2010

Vi ricordate cosa diceva Cicchitto?

Penso torni utile anche ricordare le parole di Cicchitto dette in Parlamento nei giorni immediatamente successivi alla aggressione subita da Berlusconi.


L'attentato a Berlusconi fu un falso?

Ritorniamo oggi a parlare di Tartaglia, specialista olimpico di tiro al bersaglio del Duomo: le perizie depositate in vista dell'udienza del prossimo 29 giugno (e disposte dal GUP) giudicherebbero Tartaglia incapace di intendere e di volere al momento del fatto.

Se il fatto fosse confermato, stroncherebbe la teoria pro-complotto: ebbene sì perché, fermo restando che nessuno dei complottisti ancora si è degnato di dare una ricostruzione coerente dell'accaduto, è alquanto strano che uno dichiarato incapace di intendere e di volere possa essere anche una pedina del complotto. E se così fosse, i complottisti dovrebbero ancora dirci a che pro un soggetto di tal pasta si sarebbe dovuto prestare.



Insomma i dubbi rimangono, e ricordo a tutti che le perizie disposte nel febbraio scorso avrebbero indicato una prognosi di 20-40 giorni e non di 90 giorni come proveniva da fonti vicine a Berlusconi.

p.s. faccio notare che Sonia Alfano non ha in alcun modo insinuato che fosse un complotto come ho ritrovato on line, ma ha semplicemente detto, in un suo videomessaggio: la TV tedesca dice quello che in Italia molti pensano e nessuno dice e fa una ricostruzione assumendosene la responsabilità secondo la quale l'attentato a Berlusconi sarebbe una farsa. Si informi, chieda spiegazioni e cerchiamo di capire che è successo. Al momento l'unico video che ho trovato della TV tedesca mi sembra più ironico che altro, anche perché non mi risulta alcun film di Oliver Stone sul tema.





Vedi anche:

Perplessità sulle perplessità.

Perplessità sulle perplessità/2: tutto ciò che i complottisti dovranno chiarire e che non hanno chiarito.

25 giu 2010

APPELLI PER GEMMA

Pubblico una serie di appelli dedicati a Gemma del Sud affinché eviti uno strazio a noi, e figure barbine a lei, ma a quanto pare Gemma del Sud risponde picche (almeno a The Black Swan). Il discorso non fa una piega: "Sei bona e sai cantare e ballare? Puoi parlare, però io penso di essere brava".


The black Swan






Mi94Po tramite il canale Il camaleonte1


Anche io faccio un appello a Gemma del Sud.


Cara Gemma, il mio inglese è scolastico e non ho la voce di Modugno, e come ballerino ammetto che era più bravo Fred Astaire: questo è il motivo per il quale non canto e non ballo nè in italiano nè in inglese nè in aramaico, se non sotto la doccia da solo nel raggio di 10 km.


La mia faccia la vedi sul profilo del blog e la vedi sul profilo Facebook, non son di quelli che si nascondono: se pensi che sia carino ti ringrazio, pensi che sono brutto? Sti cazzi (come dicono i francesi ed anche la Regina Elisabetta nei momenti di intimità): tu invece fai video di risposta per ognuno che ti dice anche solo "fai cagare".


A differenza tua, peraltro, io posseggo buon senso ed autocritica: non considero You Tube ed il web come una discarica dove cagare ogni cosa che mi passa per la testa. Sono convinto che tu nella piazza del tuo paese in Sicilia mai e poi mai cominceresti a starnazzare davanti a tutti: le grasse risate che tutti si farebbero ti farebbero scappare via piangendo. Non ti accade così sul web, ma dovrebbe esser così.


Un'ultima cosa: pensi che i tuoi video piacciano e divertano? Bene, ti invito a guardare seriamente il resoconto dei mi piace/non mi piace: se piacessero tanto i tuoi video, come spieghi che la maggior parte degli utenti di quasi tutti i tuoi video cliccano su "non mi piace"? Invece di pensare agli insulti, che comunque non condivido, che ne dici di riflettere sul fatto che è vero che molti ti vedono ma di questi molti il 90% esprime parere negativo?

24 giu 2010

Se non condividete avrete molta sfiga.

Questo messaggio è partito nel diversi mesi fa, ha fatto otto volte il giro del mondo (tre quelle di Marte e due giri interi di tutta la Via Lattea: ora è comprensibilmente stanco). Porta fortuna a chi lo condivide con ogni mezzo: condividete su FB e su ogni social network, commentate e votate ogni post, parlatene in ogni dove. Se ognuno di voi manda questo messaggio a dieci persone in poche ore può raggiungere tutto il mondo.

Chi non ha condiviso questo messaggio entro 24 ore ad almeno un milione di persone, ha ricevuto nella migliore delle ipotesi un morso di un topo ed è morto per leptospirosi fulminante; un altro ha trovato una siringa su una poltrona del cinema; mentre ad altre cento miliardi di persone non è successo assolutamente nulla di nulla.

Se invece condividete a tutti i vostri contatti-amici-parenti avrete tutta per la vita estrema fortuna, e avrete una vita piena di ogni gioia e soddisfazione proporzionalmente alle persone con cui avrete condiviso il messaggio, ma soprattutto la cosa più importante darete visibilità al mio blog (e quindi vi augurerò ogni bene).

Questo è un messaggio d'amore, di pace e di bene, come vedete non ci sono raccolte di fondi, e ci vuole pochissimo tempo. Cosa aspetti, che vengo a cercarti a casa col mio amico alto tre metri e pesante 4 tonnellate per costringerti democraticamente a condividere? Credo che tu sappia da solo cosa fare.



Questo è il testo base, riprodotto un po' ironicamente, delle catene di Sant'Antonio, con alcune varianti sugli appelli, alcuni veri e altri falsi, per bambini malati su cui francamente non mi va di scherzare. In realtà condividere le catene di Sant'Antonio può creare diversi problemi. Quali? Beh, aggiornatevi, ed ovviamentre condividete questo messaggio proprio come se fosse una catena di Sant'Antonio, e vediamo come va l'esperimento.

22 giu 2010

Truzzolandia city: Gemma del Sud.

Oggi parlo di una nuova cantante-ballerina: Gemma del Sud, una grande artista completa che presto farà strada. Come vedrete di seguito si lamenta delle insinuazioni fatte a suo carico con una verve e con una forza d'animo non indifferente (è l'italiano che stenta un po', ma si capisce ugualmente con un po' di fantasia).




D'altronde che non le freghi niente degli insulti è tanto evidente da caricare un altro video, in cui GIUSTAMENTE sostiene di essere famosa (anche se circa 650 mila clic sui suoi video ci sono stati). D'altronde sfido chiunque a sostenere il contrario: famosa sarà famosa, è la bravura su cui possiamo discutere.

Gemma io sono con te soprattutto per il valore che dimostri nelle tue performances: manco Stanlio & Ollio mi fanno sganasciare così tanto. Vi invito di seguito a constatare con i vostri occhi, preservando se riuscite le vostre orecchie e la vostra salute mentale. Una cantante perfetta: J. Lo., Lady Gaga e Shakira sono avvertite, e giacché ci siamo avvertirei anche Susy la Truzza.




Ma siccome Gemma del sud è un'artista completa la vediamo all'opera come ballerina (dico solo che You Tube mi ha fatto dichiarare di essere maggiorenne prima di vedere il video).





p.s. dato che fa una denuncia p'ogni cuoll e cazz' (per dirla in francese) spero che non denunci anche me.


p.p.s. Se mai Gemma del Sud entrasse in politica batterebbe in un colpo Rutelliuebbbsait e BerlusconiNosonli.


p.p.p.s. finisco di rotolarmi per terra dove mi sto un po' scompisciando da stamattina mentre mi guardavo qualche video di questa artista.


UPGRADE CAPITOLO DENUNCE. 
Capitolo ti denuncio (anche per rispondere ad Arcureo più precisamente di quanto abbia fatto nel commento). La nostra eroina in un primo video sostiene che denuncia il Manimarco per avergli rubato il canale; salvo scusarsi con lui sostenendo che si era sbagliata, in un altro video sostiene che denuncia chi ha fondato il gruppo Facebook in cui lei appariva in un fotomontaggio in cui sarebbe nuda; vuole denunciare chi avrebbe diffuso i suoi dati personali in un video; vuole denunciare Loris Gaga, un utente del suo canale, perché scrive che la conosce e che prenderebbe psicofarmaci ed altre amenità effettivamente al limite della legalità (li ho letti quei commenti).

Peraltro in un paio di video sostiene di essere minorenne, nel qual caso dovremmo segnalare noi lei stando ai termini d'uso di You Tube (articolo 2.3. lettera a per la precisione).

Se poi volete vedere la nostra Gemma del Sud alle prese con Shakspeare, non vi resta che cliccare e vedervi il video.

21 giu 2010

Addio alle web tv.

Video di Byo Blu sul decreto Romani e dedicato prevalentemente alle Web TV ed alle Web Radio.




p.s. Sull'home page avete la possibilità di votare per il premio Ischia. Io ho votato per Byo Blu e questo blog lo sponsorizza. Non è necessario registrarsi, è gratis ed ognuno può esprimere un solo voto.


20 giu 2010

Scuse da non inventare se i Carabinieri ti beccano in una casa chiusa.

Solo un genio universale, come avrebbe fatto un tale di Mestre, può pensare che i Carabinieri credano al fatto che era lì nudo, batacchio al vento, con una cinesina segregata per chiedere informazioni. Per la cronaca la suddetta cinesina conosceva pochissimi termini italiani inerenti al sesso, che posso ripetervi in intimità e dietro lauto compenso, e aveva un vocabolario che l'aiutava nell'intento.

Va bene che ci fanno le barzellette sui Carabinieri, ma prenderli per il culo così è un po' esagerato: anche perché, gli avranno poi spiegato le dovute modalità della presa per culo (chiedere nel caso a Luttazzi che a RAI per una notte l'ha spiegato bene). 


A meno che non sia stato lo scatolone pieno di preservativi che avrà fatto insospettire le forze dell'ordine. E comunque sia mi è rimasto un dubbio: che informazioni si chiedono in una casa chiusa?




Vi segnalo la mia pagella sulla deludente partita dell'Italia sul mio nuovo blog Il concetto di Banana. L'assonanza di termini, in questo caso, è puramente casuale.

17 giu 2010

Il fulmine mandato da Dio.

A Monroe, Ohio, un fulmine ha colpito, mandandola in frantumi, la statua di Gesù della chiesa della Roccia Solida.

Ora, più che mai, in questa piccola comunità religiosa si stanno seriamente chiedendo se è un segno di Dio, di Zeus o del dio della piogga. Magari Dio s'è incavolato perché la statua di Gesù è diventata un'attrazione turistica, come è avvenuto anche per l'esposizione della  Sindone (checché abbia avuto a dire il contrario il Cardinal Poletto).


Berlusconi, nel frattempo, aveva avuto una premonizione lo scorso 10 giugno all'incontro con Zapatero. Nella sua somma umiltà non ha detto nulla: in realtà dopo aver incontrato Zapatero (che a sua volta aveva incontrato il Papa) aveva detto di salutare un santo ed è scappato via di corsa. I soliti maligni hanno pensato ad una gaffe, invece Silvio Berlusconi si è attivato diplomaticamente con chi di dovere ed ha evitato che i danni potessero essere maggiori.

Come giustamente segnala Wil in questi giorni, abbiamo superman al governo: ha evitato crisi economiche, concluso alleanze antinucleari, sconfiggerà il cancro entro la fine della legislatura (che ottimisticamente Wil ritiene finisca nel 2013 ma che finirà invece nel 2088 con opzione per i prossimi 2000 anni). Perché non ritenere che abbia evitato questa strage nell'Ohio? Sapeva bene che non poteva mandar lì Bertolaso, già troppo impegnato in Italia figurarsi all'estero.

Aggiungo per completezza di informazione che quei maledetti senzadiocomunistievoluzionisti sanno da tempo immemore che i fulmini non sono scagliati da dei ma sono scariche elettriche (quindi fenomeni natrali), e quel maledettaccio di Benjamin Franklin si è permesso di inventare nientemeno nel 1752 il parafulmine, scoprendo come un'asta metallica (ed in generale qulunque cosa protesa verso l'alto) attirasse i fulmini.



Nella foto Dio s'incazza coi parigini



NOTA BENE. Sul nuovo blog Il concetto di banana che vi invito  comunque a visitare ed a diffondere, ho posto una domandona che nemmeno al Milionario e da cui non ci si può sottrarre.

16 giu 2010

Drammatica storia vera di un gattino.

Difficilmente dimenticherò il micino di poche settimane che ieri sera è stato investito. Era terrorizzato e correva avanti e indietro attraversando anche la strada. In un primo momento, la mia ragazza ed io abbiamo vanamente cercato di prenderlo per evitare che si ammazzasse.

Inevitabilmente sono bastati pochi minuti affinchè finisse tra le ruote di una macchina: difficile da vedere in quanto è un batuffolino che si muoveva rapidissimamente e sbucava all'improvviso, non è sfuggito a me, tuttavia, sul marciapiede.

Il micino sanguinava e nessuno di noi, nel frattempo si sono fermati altri quattro ragazzi, sapeva come fare. La prima cosa che ho pensato è stata avvertire i carabinieri di mandare qualcuno. Poi un ragazzo e una ragazza che erano lì a darci una mano l'hanno preso in consegna e l'hanno portato ad una clinica che sapevano dove si trovasse.

Ho chiamato poco dopo la clinica privata dove sapevamo avrebbero portato il gatto, ma ci hanno detto che se l'erano portato indietro perché non avevano la possibilità di pagare le cure.

Mi sono cresciuti i sensi di colpa. E se avessimo aspettato l'ambulanza veterinaria che ci stavano mandando i carabinieri? Sarebbe morto nel frattempo? E se ci fossimo presi il numero di telefono dei ragazzi forse avremmo potuto fare di più? Non lo so, perché eravamo tutti estremamente colpiti emotivamente dalla situazione ed abbiamo cercato di fare il più rapidamente possibile.

La domanda cui la mia ragazza ed io non avremo forse mai risposta è chissà se quel gattino ce l'ha fatta. Chissà se lo sapremo mai.

15 giu 2010

Qui ad Atene facciamo così.

Qui ad Atene noi facciamo così. 

Qui il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi e per questo viene chiamato democrazia. 
 
Qui ad Atene noi facciamo così. 

Le leggi qui assicurano una giustizia eguale per tutti nelle loro dispute private,ma noi non ignoriamo mai i meriti dell’eccellenza. Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà, a preferenza di altri, chiamato a servire lo Stato, ma non come un atto di privilegio, come una ricompensa al merito, e la povertà non costituisce un impedimento. 

Qui ad Atene noi facciamo così. 

La libertà di cui godiamo si estende anche alla vita quotidiana; noi non siamo sospettosi l’uno dell’altro e non infastidiamo mai il nostro prossimo se al nostro prossimo piace vivere a modo suo. Noi siamo liberi, liberi di vivere proprio come ci piace e tuttavia siamo sempre pronti a fronteggiare qualsiasi pericolo. Un cittadino ateniese trascura i pubblici affari quando attende alle proprie faccende private, ma soprattutto non si occupa dei pubblici affari per risolvere le sue questioni private. 

Qui ad Atene noi facciamo così. 

Ci è stato insegnato di rispettare i magistrati, e ci è stato insegnato anche di rispettare le leggi e di non dimenticare mai che dobbiamo proteggere coloro che ricevono offesa. E ci è stato anche insegnato di rispettare quelle leggi non scritte che risiedono nell’universale sentimento di ciò che è giusto e di ciò che è buon senso. 

Qui ad Atene noi facciamo così. 

Un uomo che non si interessa allo Stato noi non lo consideriamo innocuo, ma inutile; e benchè in pochi siano in grado di dare vita ad una politica, beh tutti qui ad Atene siamo in grado di giudicarla. Noi non consideriamo la discussione come un ostacolo sulla via della democrazia. Noi crediamo che la felicità sia il frutto della libertà, ma la libertà sia solo il frutto del valore. Insomma, io proclamo che Atene è la scuola dell’Eliade e che ogni ateniese cresce sviluppando in sè una felice versatilità, la fiducia in sè stesso, la prontezza a fronteggiare qualsiasi situazione ed è per questo che la nostra città è aperta al mondo e noi non cacciamo mai uno straniero. 

Qui ad Atene noi facciamo così.

E Pericle non era comunista. Forse era un veggente, dato che Il discorso agli ateniesi è del 461 a.C. (2471 anni fa). Io penso fosse solo una persona civile.

12 giu 2010

Il mobbing sessuale di Britney Spears e lo stimolatore di capezzoli di J. Lo. Due rimedi contro la disoccupazione.

Fernando Flores, il capo dei bodyguards di Britney Spears, si sarebbe licenziato sosenendo che quest'ultima effettuava una serie di molestie a sfondo sessuale nei suoi confronti e pare che analoghi problemi ebbe nel 2007 Tony Barretto.

Non so se sia una trovata pubblicitaria, volontà di scroccare bei dollarozzi o altro, ma sta di fatto che Flores temeva di essere licenziato se non l'avesse esaudita ed ora vuole denunciarla per mobbing.

Ecco TROVO SCANDALOSO CHE BRITNEY SPEARS NON MI ABBIA CHIAMATO. Nonostante tutto, però, ci tengo ad esprimerle la  massima solidarietà. Se ritiene, la pop star può girare nuda a casa mia senza che io abbia nulla da eccepire, oppure se gradisce rimanere a casa sua posso andare a trovarla (in seconda battuta sto cercando di propormi come stimolatore di capezzoli di Jennifer Lopez).


08 giu 2010

Anche il Partito Democratico si scandalizza adesso del conflitto d'interessi di Berlusconi.

Il Partito Democratico, dopo che Zanda si scandalizzò tempo fa, si è svegliato da un lungo torpore. Anche Silvio Berlusconi si era annoiato e ha dovuto dire qualcosa di estremamente forte, affinché a sinistra si scrollassero un po' di sonno di dosso.

E allora via con: Non firmo il contratto di servizio alla RAI se continua ad essere faziosa. Bonaiuti smentisce, ma l'opposizione si accorge che Berlusconi come Ministro per lo Sviluppo Economico, che controlla anche le televisioni, è in conflitto di interessi.

In realtà è da quindici anni che è in conflitto di interessi, ma il centrosinistra se ne ricorda solo quando vuole far vedere che fa opposizione. Per questo nei sette anni di governo (1996-2001 e 2006-2008) non hanno mai fatto un tubo: sono dei furbastri!!!!




A questo punto ripropongo l'iniziativa di Fabio Pari che lanciai ad inizio anno su Facebook: l'esame di diritto costituzionale per i nostri politici, visto il complesso di dichiarazioni di oggi di Silvio Berlusconi.

07 giu 2010

Latte alla spina e pannolini lavabili.

Lo scorso 18 maggio vi ho parlato dei detersivi alla spina, oggi vorrei che la vostra attenzione fosse anche sul latte alla spina e dei pannolini lavabili. Due ottimi modi per risparmiare e per non inquinare.

Trovate sull'home page i banner cliccando sui quali potrete individuare i punti vendita più vicini a casa vostra.



06 giu 2010

Sarà vero che nel PDL ci sono i ruderi della Prima Repubblica?

«È vero che il Pdl a volte assomiglia più a un bordello che a una casa, perchè entrano tutte le puttane della Prima Repubblica. Tutta la Prima Repubblica è dentro lì. Non posso dimenticare che Cicchitto era capogruppo dei Socialisti, nella Lega non c'è nessuno che apparteneva alla Prima Repubblica, e anche molti ex An non digeriscono questo fatto. Cicchitto era un loro avversario e adesso è il loro capogruppo. Può darsi che gli stia bene, ma mi dà fastidio che Berlusconi continui a invitare tutti i ruderi della Prima Repubblica». Francesco Speroni (LN).

Queste dichiarazioni di Speroni al Messaggero sono pesanti. Vediamo se sono veritiere o se sono una balla, e, anzi, approfittiamo per fare le pulci all'interno del PDL vedendo ci sono parlamentari della prima repubblica, e/o parlamentari che hanno radicalmente cambiato casacca.

Baldini Massimo (senatore PDL e membro della commissione di vigilanza RAI): ex assessore, vicesindaco e sindaco di Viareggio tra il 70 e il 92, poi senatore il tutto tra le fila del PSI. Dal 1996 è eletto senatore, invece, prima per FI poi per il PDL ed è membro della commissione di vigilanza RAI.
 
Bondi Sandro (Ministro della Cultura): il più devoto di Silvio Berlusconi, è stato sindaco di Fivizzano con le bandiere del PCI ed esponente comunista dagli anni 70 al 1992.

Boniver Margherita (membro della Commissione affari esteri, PDL): nel 1979 è senatrice e dal 1987 al 1992 è eletta deputato italiano; dal 1987 al 1989 deputato europeo il tutto tra i socialisti. Rieletta senatrice nel 1992 è stata ministro con Andreotti e con Amato. Prima degli incarichi attuali, dal 2001 al 2006 è stata sottosegretario agli esteri nel governo Berlusconi (II e III) e ha collaborato (con soluzione positiva) con il ministro degli esteri d'Alema per la liberazione di Padre Bossi dalle Filippine.

Capezzone Daniele (portavoce del PDL): fino al 2006 è stato segretario dei Radicali, con cui appoggiava il Governo Prodi. Molto critico in questo periodo con Silvio Berlusconi, tanto da paragonarlo a Wanna Marchi; ha per caso cambiato idea dopo essersi chiesto se Berlusconi si fosse fumato una canna?

Cicchitto Fabbrizio (capogruppo deputati PDL): vanta un esperienza di deputato dal 1976 al 1983 e di senatore dal 1992 al 1994 tra le fila del PSI.



De Michelis Gianni (Nuovo PSI): segretario dal 2001 al 2007 del nuovo PSI che è confluito nel PDL, è divenuto eurodeputato e dal settembre 2009 è consulente del ministro Brunetta.

Dini Lamberto (senatore PDL): non propriamente appartenente alla prima repubblica, in quanto proviene dalla Banca d'Italia. Nel 1994 è ministro del Tesoro con Berlusconi, dal 1996 al 2001 è ministro degli esteri con Prodi-D'Alema-Amato; ed ora è senatore PDL eletto in Toscana, dove era stato eletto in tre precedenti tornate elettorali ma tra le fila del centrosinistra.

Di Donato Giulio (segretario regionale UDEUR): forse tra i più famosi della prima repubblica con De Michelis e Cirino Pomicino. Ex vice sindaco di Napoli dal 1975 al 1983, nel 1992 si dimise per lo scandalo di Tangentopoli. Ha aderito al PDL, anche se adesso è segretario regionale dell'UDEUR in Campania (ma l'UDEUR è alleato del PDL).

Grillo Luigi (parlamentare PDL): anche lui molto bipartisan. Democristiano per una vita, dal 92 al 94 è sottosegretario nel Governo Amato; nel 94, tuttavia, garantisce con il proprio voto la fiducia al Governo Berlusconi I; e coerentemente dal 1996 ad oggi è passato con Berlusconi. Quindi nel 1° governo Amato è sottosegretario nel 2° è all'opposizione.

Mastella Clemente (eurodeputato PDL): la sua storia politica è ai limiti dell'inverosimile. Ministro del Lavoro nel 1° governo Berlusconi, diviene ministro della Giustizia (2006-2008) nel 2° governo Prodi, salvo poi riaccasarsi nel PDL come eurodeputato. La cosa più inverosimile è che, tra i tanti che detengono il doppio incarico, è stato anche sindaco di Ceppaloni dal 2003 al 2008 appoggiato dal PDL e SDI contro il candidato appoggiato da Rifondazione Conunista, trovandosi a fare il Ministro a livello nazionale come esponente di centrosinistra, e sindaco di Ceppaloni come esponente di centrodestra.

Miccichè Stefano (deputato PDL, sottosegretario di Stato con delega al CIPE): uno che sostiene che è triste un aereoporto col nome di Falcone e Borsellino è degno del grande capo. Ma forse non tutti sanno che  negli anni -70 aderiva a Lotta Continua, movimento di estrema sinistra extraparlamentare.

Pecorella Gaetano (presidente commissione giustizia 2001/2006-deputato PDL 2006/2008): è colui che scrisse la legge omonima, dichiarata incostituzionale, per cui il PM non poteva appellare le sentenze di assoluzione di primo grado, salvo poi ammettere «È vero, sono state fatte leggi funzionali a determinati processi. Abbiamo fatto il lodo Schifani, poi dichiarato incostituzionale e che in effetti in qualche parte lo era, per consentire a Berlusconi di governare»; è stato membro, durante la prima Repubblica del movimento di sinistra radicale Sinistra Proletaria, salvo poi dirottarsi nel Partito Socialista.


Pisanu Beppe (PDL): dal 1972 al 1992 deputato democristiano, sottosegretario di Stato con Forlani (1980-1983) e con Craxi-Goria-De Mita (1986-1990). Ministro per l'attuazione del programma e poi ministro dell'Interno, attualmente è un parlamentare.


Sacconi Maurizio (Ministro del Lavoro): inizia la sua carriera in Prima Repubblica nel PSI dal 79, a metà degli anni 80 è vicecapogruppo alla camera e dal 2001 è esponente del governo Berlusconi, fino al 2006 come sottosegretario.


Scotti Vincenzo (sottosegretario agli esteri): ex ministro degli esteri, degli interni e dei beni culturali negli anni 80 e 90, ora è stato riciclato come sottosegretario.

Sterpa Egidio: nella XIV e XV legislatura è stato parlamentare di FI; ma dal 1979 al 1994 è deputato in forza al PLI.


Vito Alfredo (PDL): è eletto nella democrazia cristiana dal 1987 al 1994, ma dal 2001 al 2008 ha militato tra le fila del PDL.


Vizzini Carlo (PDL): ministro degli affari regionali, dei beni culturali, della marina mercantile e delle poste e telecomunicazioni negli anni -80. Sua la proposta, recentemente, di sospedere tutti i processi che abbiano ad oggetto una sanzione inferiore a dieci anni.

04 giu 2010

Quando morirò alla tenera età di 190 anni, trasmetteranno ancora Beautiful.

Sono venti anni che in Italia si trasmette Beautiful (dal 04 giugno 1990): mia nonna, che la seguiva, sostenne profeticamente in diverse occasioni che sarebbe morta prima di vederne la fine. Putroppo ebbe ragione.

Oggi, alla veneranda età di 27 anni temo che neanche io saprò come andrà a finire, quindi quando morirò giovane attorno ai 190 anni, qualcuno che mi sopravviverà, gentilmente dovrà tenermi assolutamente informato.

Beautiful ad oggi ha trasmesso in Italia 5625 puntate di cagate pazzesche, in USA sono già 5830, quindi sappiate che ogni puntata che seguite, ce ne saranno altre duecento. Cagate che hanno consentito di vincere 4 telegatti ed un Emmy Award (2009).

Molta gente è passata dentro Beautiful, un mega collocamento casting, tanto che solo quattro personaggi sono rimasti del cast iniziale: Ridge, Brooke, Eric e Stephanie.

In sintesi tutti si sposano e fanno figli con tutti con la facilità con cui si cambiano le mutande le persone civili, non risentono minimamente del passare del tempo: Eric e Stephanie dovrebbero avere su per giù sugli 85 anni e Ridge 60 ma in qualche puntata ha partecipato la mamma di Stephanie, e non era una mummia egizia, nè un fantasma.

Se volete leggere la trama dettagliata su Wikipedia, prendetevi una settimana di ferie e leggete pure, mentre se volete sapere quali e quante volte si sono sposati Brooke e Ridge, vi invito a leggere questo post.

Concludo citando una barzelletta che rende l'idea della trama di Beautiful, e che a suo tempo mi fu riproposta da Arcureo. Mai barzelletta fu più appropriata.

"Signor Ministro della Difesa,
mi permetta di prendere rispettosamente la libertà di esporvi quanto segue, e di sollecitare per vostra benevolenza lo sforzo necessario al rapido disbrigo della pratica.

Sono in attesa della chiamata alle armi, ho 24 anni e sono sposato con una vedova di 44 anni, la quale ha una figlia di 25 anni. Mio padre ha sposato tale figlia. Quindi attualmente mio padre è diventato mio genero, in quanto ha sposato mia figlia. Inoltre, mia nuora è divenuta mia matrigna, in quanto moglie di mio padre.

Mia moglie ed io abbiamo avuto lo scorso Gennaio un figlio. Costui è quindi diventato fratello della moglie di mio padre, quindi cognato di mio padre. Ed inoltre mio zio, in quanto fratello della mia matrigna. Mio figlio è dunque mio zio.

La moglie di mio padre a Natale ha avuto un figlio che quindi è contemporaneamente mio fratello in quanto figlio di mio padre, e mio nipote in quanto figlio della figlia di mia moglie. Io sono quindi fratello di mio nipote, e siccome il marito della madre di una persona è suo padre, risulta che io sono padre della figlia di mia moglie e fratello di suo figlio.

Quindi io sono mio nonno!

Spiegato ciò, Signor Ministro, la prego di volermi concedere di essere esentato dal servizio militare, in quanto la legge impedisce che padre,figlio e nipote prestino servizio contemporaneamente."

03 giu 2010

La festa della Repubblica e le risse in Parlamento,

Ieri era la festa della Repubblica. E io ho pensato che il nucleo fondante della Repubblica sia il Parlamento.



Al di là di questa vergognosa scena (è Nino Strano che urla "cesso corroso" ed ora ce lo ritroviamo al Parlamento europeo mentre Tommaso Barbato - Udeur - avrebbe sputato a destra e a manca) l'impressione è che le risse tentate o riuscite in Parlamento siano in aumento, ed è un'impressione confortata dai numeri.

In quattro occasioni dal 1949 al 1991. Quattordici dal 1991 ad oggi. Dagli occhiali rotti di Sgarbi alla sospensione per dieci sedute. di quattordici deputati leghisti passando per il cappio esposto in Parlamento fino allo champagne in aula.

Tutte queste persone che perdono in modo così violento le staffe, non al bar, cosa già di per sè deprecabile, ma nel Luogo dedito al dibattito democratico, ebbene costoro, in proporzione alla loro reazione violenta, non sono persone degne di essere chiamate onorevoli o senatori, non sono degne di essere servitori dello Stato, insomma non sono degne di rappresentarci, al di là del loro pensiero politico.


A chi si rende protagonista di vicende così becere, o a chi semplicemente prova a rendersi così negativamente protagonista, dico semplicemente che questo tipo di persone dovrebbero avere un minimo di pudicizia e sparire dalla vita politica e ritirarsi in campagna invece di lordare (loro) l'immagine di questo paese a suon di risse, sputi e insulti.

02 giu 2010

Le chiese proibite di Napoli.

Potete ben immaginare il patrimonio artistico e culturale di Napoli. Ma forse non sapete che nel centro storico di Napoli, posto che frequento molto spesso e a me molto caro, delle 203 Chiese censite dalla Curia 124 non sono più in funzione come luogo di culto e, peggio, molte sono in stato di abbandono. Pasquale Barbuto ha riunito il tutto in un libro fotografico-inchiesta (100 fotografie) per documentare il disagio. 

Ringrazio di cuore Annamaria che amichevolmente mi ha segnalato il libro parlandone positivamente. Sono molto felice di aver accolto la sua segnalazione.

01 giu 2010

La presa della Flottiglia

L'unico Tg che ha sollevato dubbi sul reale rispetto delle norme di diritto internazionale è stato il Tg3. Per tutti gli altri è stato un incidente.

Di seguito due video interessanti sul tema, tratti da ByoBlu.com. 







Upgrade: aggiungo un video tratto dal blog di Beppe Grillo.
 

Backlinks su Pensare è gratis.

StatsCrop